Il processo a Murray - Giorno 4

on Friday, 30 September 2011. Posted in Ultime Notizie

Il processo a Murray - Giorno 4

Robert Russell, uno dei pazienti del dottor Murray, ha testimoniato oggi affermando che Murray gli avrebbe salvato la vita dopo un attacco cardiaco, diversi mesi prima della morte di Jackson, testimonianza certamente positiva per il dottor morte, anche se il testimone è stato chiamato dalla accusa. "I consigli che mi diede, mi hanno salvato la vita," ha detto Russell.

"Mi ha dato consigli su cosa mangiare, su come vivere meglio la mia vita, cercando di tenere a bada lo stress e le pressioni esterne". Tuttavia ad Aprile 2009, Murray iniziò ad assistere Jackson, dovendo abbandonare i suoi pazienti. "Ho avuto paura, mi sono sentito abbandonato.", ha detto Russell. Ma Russel ha aggiunto che poteva comunque comunicare con Murray telefonicamente, e che il suo staff ha continuato ad assisterlo nelle terapie.

Richard Senneff, uno degli infermieri che hanno risposto alla chiamata del 911, ha detto che la situazione non gli sembrò "normale" all'arrivo nella casa di Jackson. Senneff ha riportato in dettagli diverse stranezze notate quel 25 Giugno, incluse alcune risposte di Murray alle sue domande..

Senneff ha detto che quando chiese a Murray delle condizioni di salute di Jackson prima dell'attacco, lui non rispose per due volte, ed alla terza disse che il paziente non aveva problemi di base. "Quella risposta non mi aiutò a capire il perchè ci fossero dottori ed apparecchiature mediche nella casa. Tutto quello che vidi non mi sembrò normale. Come già riportato da diversi altri testi, Senneff ha confermato che Murray non ammise di avere somministrato Propofol a Jackson. "Lui mi disse, 'No, non sta prendendo farmaci, gli ho solo dato del Lorazepam per aiutarlo a dormire.

Senneff ha riferito alla corte che durante il tentativo di somministrare a Jackson dei farmaci per cercare di far ripartire il battito, gli infermieri non riuscirono nemmeno a trovare una vena - situazione che gli fece capire che la circolazione sanguigna terminò molto tempo prima del loro arrivo. "Quando ho spostato il paziente la sua pelle era molto fredda."ha aggiunto Senneff.

Il vigile del fuoco ed infermiere Martin Blount, altro testimone della giornata, ha confermato di non aver notato alcuna attività cardiaca in Jackson, dal momento del suo arrivo alla casa dfel cantante.

Ultima testimone, la dottoressa Richelle Cooper, medico che assistì Jackson al suo arrivo in ospedale. Anch'ella ha confermato il fatto che Murray evitò di informarla sui farmaci somministrati a MJ, citando solo 4 Mg di Lorazepam.

Comments (0)

Leave a comment

Please login to leave a comment. Optional login below.

MJPortal V.8.2.1b • © 2002-2017

Website created by NBStudio.eu